Home / Bastian contrario

Bastian contrario

Un anno bellissimo

Diavolo d’un Conte (no, non l’allenatore, quell’altro). L’aveva detto e nessuno ci aveva creduto: il 2019 sarà un anno bellissimo. Aveva proprio ragione. Almeno per ora ci siamo levati di torno il suo governo e quella coppia di grandi statisti ...

Leggi »

Indietro tutta

Un ceffone dopo l’altro. Ormai non si contano più le retromarce che i grillini sono stati costretti a  fare sulle loro proposte simbolo: blocco del TAP, chiusura dell’ILVA, stop alla TAV. Niente di niente. La realtà ha avuto il sopravvento. ...

Leggi »

Uomini tutti d’un pezzo…

E pensare che c’era anche chi ci aveva creduto. Basta con l’accondiscendenza verso i potenti. Atlantia, nella gestione di Autostrade, aveva dimostrato molta negligenza, quindi, pochi discorsi. Si revocano le concessioni. Parola di Toninelli e Di Maio. Ora la novità. ...

Leggi »

I pifferi di montagna

Erano partiti ilari e baldanzosi. Non hanno detto “spezzeremo le reni all’Europa” ma poco ci manca. Una volta a Bruxelles, il buon Conte ha contribuito a bloccare la candidatura Timmermans. Basta con le intese Franco-Tedesche, ha subito chiosato Salvini. Poi, ...

Leggi »

La segreteria

Ha fatto rumore la nuova segreteria del PD. I “renziani”, esclusi, hanno protestato, con forza. Eppure il clamore, più per chi non c’è, era da farsi per chi c’è. Alle riforme un allievo di Zagrebelsky che votò NO al referendum, al Welfare una simpatizzante di reddito di cittadinanza e quota 100, al lavoro un nemico giurato del Jobs Act. Un triplo segnale di apertura ai 5Stelle. Povero Zingaretti. Proprio ora che Salvini sta mangiandosi Di Maio and company?

Leggi »

Bonafede, il forcaiolo

Si sta scoprendo l’acqua calda. Le varie correnti della magistratura si “danno da fare” per mettere i loro uomini nei posti chiave. Qualche volta anche con qualche “aiutino” che va oltre il lecito. Giornali, politici e magistrati, come cantava De Andrè,  ...

Leggi »

Toninelli, il Grande

Meglio di Cavour. Come chi? Ma Danilo Toninelli, naturalmente. Uno dei più grandi statisti che abbia mai avuto l’Italia. Questo almeno a leggere le centinaia di commenti “spontanei” a un suo post su Facebook. Gli elogi sono così sperticati che ...

Leggi »

Altro che “manina”

Quando ad ottobre scorso Di Maio, a Porta a Porta, denunciò l’esistenza di una “manina” che aveva cambiato il decreto fiscale del governo, molti, non noi, fecero due risate. Sciocchi. Ora sono costretti a ricredersi. La “manina” è tornata e ha cambiato la lettera di Tria all’Europa. Il tentativo è stato sventato. E’ una buona notizia ma la notizia, quella vera, è un’altra. Si è fatta luce sul mistero: per le stanze dell’esecutivo si aggirava non una manina ma addirittura una Mano, quella della Famiglia Adams.

Leggi »

W l’Inghilterra

Boris Johnson potrebbe essere condannato per “cattiva condotta in pubblico ufficio”. Ha mentito sulle conseguenze della Brexit facendo credere agli elettori cose palesemente non vere. Ma ci pensate se questa fattispecie di reato venisse applicata in Italia?

Leggi »

Ma Salvini è scemo?

La Meloni e Berlusconi insistono. Salvini deve far cadere il governo. Il leader leghista, che non è scemo, fa orecchie da mercante. Dove lo trova un alleato che nel giro di un anno gli regala il 50% dei suoi voti?

Leggi »